Come si fa Training Autogeno

con Nessun commento

corso training autogeno coppiaIl Training Autogeno rappresenta un valido aiuto per poter raggiungere un buon livello di rilassamento e benessere in diverse situazioni. Si tratta di un insieme di esercizi che coinvolgono la sfera fisica e mentale: la tecnica è stata sviluppata a partire dagli studi dello psichiatra tedesco Johannes H.Schultz, che ha preso ispirazione dagli studi sul sonno e dalle tecniche ipnotiche di Oskar Vogt. L’idea alla base del Training Autogeno è che il soggetto-paziente abbia un ruolo molto attivo e che pian piano riesca a diventare indipendente dal proprio terapista o dalla propria guida, nel raggiungere il giusto livello di rilassamento. Esistono appositi corsi, sia collettivi sia individuali per imparare gli esercizi di Training,come questo ad esempio.

 

 

Ma come si fa Training Autogeno?

Esistono sei diversi esercizi, che possono essere distinti in due gruppi: basilari e complementari. Il gruppo dei basilari comprende l’esercizio della pesantezza e l’esercizio del calore: il primo consiste nel raggiungere uno stato di rilassamento totale del fisico, coinvolgendo sia i muscoli striati che quelli lisci. Il secondo mira a produrre un aumento del flusso sanguigno, attraverso una vasodilatazione periferica.

Segue dunque il gruppo dei complementari, che sono quattro: l’esercizio del respiro, del plesso solare, del cuore e della fronte fresca. Si tratta di una serie ben precisa, che va eseguita per ordine, sotto il controllo e la guida iniziale di professionisti e terapeuti: con il tempo, lo scopo da raggiungere è quello di poter effettuare gli esercizi in modo autonomo ed indipendente. Molto importante è la respirazione, durante tutte le diverse fasi di allenamento: bisogna arrivare ad una respirazione sempre più automatica, perdendo progressivamente la necessità del controllo e lasciando che tutto avvenga in modo automatico.

I fenomeni corporei prodotti dal Training Autogeno devono avvenire da sé, in modo spontaneo e senza alcuna forzatura. Generalmente sono richiesti circa 6 mesi di impegno continuo e costante per poter imparare completamente la sequenza degli esercizi e si sconsiglia di valutare un apprendimento da autodidatta, tramite video o altri supporti: trattandosi di un insieme di esercizi che vanno ad influire sulla modulazione psicofisiologica dell’individuo, è necessario essere guidati e seguiti al meglio da una persona esperta.