Introduzione al Coaching Manageriale

con Nessun commento

coaching manageriale e leadership

 

Le aziende migliori hanno manager con una forte capacità di leadership e una grande abilità di management, ed anche se non sempre si può riuscire a concentrarsi su entrambi, ambedue sono essenziali per mantenere delle solide basi nei periodi di rapido cambiamento.

Soltanto pochi leader comprendono davvero che cosa sia il loro lavoro, come essere efficaci in quel ruolo e come svolgerlo correttamente.

L’importanza della Leadership per un manager

Leadership significa motivare, allineare e ispirare le persone a realizzare insieme qualcosa di più grande di quanto riuscirebbero a fare individualmente, ed il guidare affonda le sue radici nelle emozioni, in quanto il guidare ha a che fare con le persone.

Per i manager/leader la questione è ancora più complicata, perché si trovano a gestire sia i processi che le persone. Analizzando quella parte del ruolo di leadership che riguarda le persone, il leader deve prestare molta attenzione ai segnali che manda; accigliarsi o sorridere, fare un cenno di approvazione con la testa o scuoterla, sono tutti modi attraverso cui si trasmettono dei messaggi. Anche le parole sono importanti, una battuta di spirito potrebbe essere interpretata male, causando una reazione contraria a ciò che si voleva ottenere in quanto non percepita come battuta di spirito.

Come diventare dei veri e propri leader?

Un metodo molto efficace e veloce è il metodo del Coaching; questo metodo di intervento finalizzato al cambiamento è diretto a migliorare ed estendere le proprie potenzialità, così da raggiungere obiettivi personali, di gruppo e manageriali.

Al centro di tutta quanta l’attività di coaching, c’è sopratutto la stimolazione della volontà, intesa in termini formativi e di crescita personale, per cercare di sviluppare tutto il potenziale umano della persona in questione: il coach può e deve essere quella persona in grado di facilitare l’impegno del soggetto verso il proprio obiettivo, indipendentemente dal fatto che il risultato possa venir raggiunto o meno: non è tanto un discorso solamente di cosa si impara, ma di mentalità generale.